Un clima di gioiosa esultanza ha accompagnato l’Iniziazione cristiana del piccolo Pietro, battezzato nell’Ortodossia dall’Em.mo Metropolita del Sud, nella Sua sede di San Pietro Vernotico (BR).

 

A tutta la Famiglia del piccolo Pietro giunga la Benedizione del Signore, impartita dal nostro Patriarca Cosma.

Come avviene già dall’inizio di questa crisi sanitaria Covid-19, la nostra Chiesa è in prima linea per offrire aiuto concreto e fattivo a nuclei in difficoltà.

L’impegno sinergico fra Croce Rossa Italiana (Comitato di Buggiano-Montecatini Terme) e la nostra Chiesa è sempre più stretto, grazie anche alla professione secolare del Metropolita Eliseo (Funzionario di Protezione Civile). Ciò ha permesso di consegnare, soltanto in questi giorni, vari beni (donati alla Chiesa), a famiglie con figli minori e neonati.

 

Presso la Cappella dell’Ordine Monastico di Seborga, è stata celebrata la Solennità di San Bernardo di Chiaravalle, Monaco Cistercense, estensore, per incarico pontificio, della Regola originaria dei “Poveri Cavalieri di Cristo, del Tempio di Salomone” (Templari).

 

Durante la celebrazione, presieduta dal Metropolita Giovanni Luca, assistito dal Diacono P. Andrea e dall’Ipodiacono Fra Leone, è stato accolto nel Monastero un nuovo Novizio, Fra Cristoforo.

 

Nella splendida cornice del Monastero, sede dell’Em.mo Metropolita Pietro, in San Pietro Vernotico (BR), è stata celebrata solennemente la Trasfigurazione del Signore.

 

 

 

 

 

 

Il Sacro Rito, celebrato secondo la Divina Liturgia di San Giacomo il Maggiore, è stato presieduto dal Corepiscopo Athanasios e concelebrato dal Presbitero P. Michele, con l’Assistenza Pontificale del Metropolita Pietro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella propria catechesi, il Corepiscopo Athanasios ha coniugato sapientemente la Parola del giorno festivo con i fondamenti dell’Ortodossia, soffermandosi sull’origine della nostra Chiesa e sulle sue basi teologiche e rituali, perfettamente in sintonia al dettame Evangelico ed Apostolico.

 

Un incontro conviviale ha concluso in letizia la giornata.

Ieri a Roma su incarico del Primate, S.B. Cosma, il metropolita Eliseo ha partecipato ad un incontro conviviale a livello internazionale presenti i rappresentanti della Chiesa Cattolica, di diverse realtà riformate e la nostra Chiesa Ortodossa Autocefala.

Diversi i diplomatici accreditati presso la Santa Sede, tra cui quelli degli Stati Uniti.

Farmers Aid and Development Foundation Uganda (FADU), è un’organizzazione indipendente, apartitica e non governativa, coinvolta nell’affrontare l’impatto del cambiamento climatico sull’agricoltura e il contributo dell’agricoltura al cambiamento climatico dalle emissioni antropogeniche di terreni verdi, come foreste e zone umide in terreni agricoli.

A tale fine, sono stati presentati dei progetti in avanzata fase esecutiva, che verranno presto resi pubblici.

Recentemente, questa Fondazione, riconosciuta e supportata dal governo dell’Uganda, ha chiesto la partnership ed il patronage della nostra Chiesa in virtù della propria indipendenza, per poterla porre quale interlocutore privilegiato su cui catalizzare il dialogo interreligioso che caratterizza la realtà ugandese e gli altri partners internazionali.

Il Cancelliere della Chiesa, il Metropolita Eliseo, è stato nominato Direttore del Dipartimento Rapporti di Culto.

Un clima di gioiosa esultanza ha accompagnato il solenne Rito della Chirotonìa Episcopale di S. Em.za Pietro e della Chirotonìa Presbiteriale di P. Michele, presso il Monastero di Nostra Signora della Cava in San Pietro Vernotico (BR).

La Celebrazione, secondo la Divina Liturgia di San Giacomo il Maggiore, ha visto la presenza di S. B. Cosma, Primate della Chiesa, unitamente agli Em.mi Metropolìti Giovanni (Vicario) ed Eliseo (Cancelliere della Chiesa).

In un palpabile clima di commozione e circondati dall’affetto dei propri familiari, gli Eletti si sono predisposti a ricevere la pienezza dei Doni del Santo Spirito.

L’Arcivescovo Eliseo ha elevato al Sacerdozio P. Michele. Subito dopo il nuovo Arcivescovo Metropolìta ha rinnovato le proprie promesse Presbiteriali e proclamate le tre Professioni di Fede nelle mani di S.B. il Primate, prima di ricevere la Chirotonìa e la vestizione con i paramenti vescovili.

La Chiesa che ha ospitato la Celebrazione, per quasi due ore, è diventata la viva rappresentazione del Cenacolo nel giorno della Pentecoste, perché il Santo Spirito ha veramente pervaso ogni animo ed ha perpetuato la sua Successione attraverso il Ministero Apostolico.

…et replèti sunt òmnes Spiritu Sancto, loquèntes magnàlia Dei!

«Queste sono le cose che dovete fare: dite la verità l’un l’altro, rendete giustizia vera e perfetta alle vostre porte. E non inventate il male gli uni contro gli altri, e non amate lo spergiuro, perché tutte quelle sono cose che odio – dichiara il Signore». Sono le parole di uno dei frammenti ritrovati martedì 16 marzo nel deserto della Giudea, come annunciato dall’Autorità israeliana per le Antichità. L’iscrizione di 2.000 anni fa è in lingua greca, anche se la parola “Dio” è in paleo-ebraico, ed è riconducibile al libro biblico di Zaccaria.

Leggi l’articolo