Un clima di gioiosa esultanza ha accompagnato il solenne Rito della Chirotonìa Episcopale di S. Em.za Pietro e della Chirotonìa Presbiteriale di P. Michele, presso il Monastero di Nostra Signora della Cava in San Pietro Vernotico (BR).

La Celebrazione, secondo la Divina Liturgia di San Giacomo il Maggiore, ha visto la presenza di S. B. Cosma, Primate della Chiesa, unitamente agli Em.mi Metropolìti Giovanni (Vicario) ed Eliseo (Cancelliere della Chiesa).

In un palpabile clima di commozione e circondati dall’affetto dei propri familiari, gli Eletti si sono predisposti a ricevere la pienezza dei Doni del Santo Spirito.

L’Arcivescovo Eliseo ha elevato al Sacerdozio P. Michele. Subito dopo il nuovo Arcivescovo Metropolìta ha rinnovato le proprie promesse Presbiteriali e proclamate le tre Professioni di Fede nelle mani di S.B. il Primate, prima di ricevere la Chirotonìa e la vestizione con i paramenti vescovili.

La Chiesa che ha ospitato la Celebrazione, per quasi due ore, è diventata la viva rappresentazione del Cenacolo nel giorno della Pentecoste, perché il Santo Spirito ha veramente pervaso ogni animo ed ha perpetuato la sua Successione attraverso il Ministero Apostolico.

…et replèti sunt òmnes Spiritu Sancto, loquèntes magnàlia Dei!

«Queste sono le cose che dovete fare: dite la verità l’un l’altro, rendete giustizia vera e perfetta alle vostre porte. E non inventate il male gli uni contro gli altri, e non amate lo spergiuro, perché tutte quelle sono cose che odio – dichiara il Signore». Sono le parole di uno dei frammenti ritrovati martedì 16 marzo nel deserto della Giudea, come annunciato dall’Autorità israeliana per le Antichità. L’iscrizione di 2.000 anni fa è in lingua greca, anche se la parola “Dio” è in paleo-ebraico, ed è riconducibile al libro biblico di Zaccaria.

Leggi l’articolo